15 Febbraio 2018

Viaggiare: una “buona medicina” per corpo e mente

Secondo la scienza, staccare la spina e partire per un viaggio contribuirebbe ad allungare la nostra vita.

“La vita è un viaggio e chi viaggia vive due volte”.

Ciò che affermava molto tempo fa Omar Khayyam, sembra oggi confermato, in qualche modo, dalla scienza. Una ricerca condotta dalla Global Commission on Aging and Transamerica Center for Retirement Studies, in partnership con l’U.S. Travel Association, sembra aver dimostrato che viaggiare è un buon modo per allungare la propria vita.

In particolare l'abitudine di staccare la spina e partire per un viaggio, ridurrebbe il rischio d’infarto (o altri eventi cardiovascolari) e di depressione, promuovendo allo stesso tempo la salute del cervello. Gli effetti del viaggio sarebbero immediati sia a livello fisico che mentale; secondo gli esperti infatti dopo soltanto uno o due giorni di vacanza, l’89% dei partecipanti allo studio ha registrato significativi cali dello stress.

Viaggiare quindi rappresenta una “buona medicina” per corpo e mente; partire per un viaggio offre a tutti la possibilità di cambiare abitudini, scoprire orizzonti differenti, spostare limiti e confini personali. Viaggiando abbiamo l’opportunità di respirare “aria nuova”, vedere da prospettive e punti di vista diversi le medesime cose, scoprire nuovi stimoli e motivazioni. Come fa tutto questo a non agire positivamente sulla nostro stato e benessere psicofisico?

Quindi che dire ancora? Appena possibile, concedetevi un bel viaggio, lungo o breve che sia...lo dice anche la scienza, l'importante è partire!

Fonte: http://www3.lastampa.it/cemedi-benessere/articolo/lstp/477286/

Cerca il farmaco equivalente

 Stiamo Elaborando i tuoi dati
Richiesta Inviata
C'è stato un problema riprova più tardi